Piazza dei Mestieri

Capaci e Meritevoli all'Opera

Progetto

Capaci e Meritevoli all'Opera
2016/2017

Progetto sostenuto da

Logo Piazza dei Mestieri

Presupposti ed obiettivi concreti che il progetto persegue e descrizione dei benefici sociali prodotti

L'edizione 2016/2017 del progetto "Capaci e Meritevoli all'Opera" si articola in continuità rispetto alle edizioni già realizzate in passato.
La situazione economica che investe il nostro paese continua ad essere in forte crisi creando sempre più contesti sociali di disagio che colpiscono soprattutto le famiglie. E' proprio in questo contesto di crisi economica e sociale che assumono particolare rilevanza le azioni volte a garantire il diritto allo studio che fungono da azioni preventive e di contrasto alla dispersione scolastica. Nelle domande presentate dai giovani al bando nelle varie edizioni del progetto si confermano gli indicatori di povertà che caratterizzano le famiglie dei giovani allievi che frequentano la Piazza dei Mestieri: dalle dichiarazioni ISEE presentate emergono in maniera sempre più importante le difficoltà economiche e le necessità di aiuto di molte famiglie. Si attestano al 50% il numero di famiglie con un reddito inferiore a 7.000,00 €, trend consolidato negli ultimi anni. Cresce fino al 70% se si prendono in considerazione i redditi inferiori ai 10.500,00 €.
La difficoltà economica e il conseguente disagio in molti casi diventa preludio di abbandono scolastico vero e proprio: un buon numero di ragazzi proviene da insuccessi scolastici che si verificano sia nella scuola secondaria di primo grado che nel biennio delle superiori. L'insieme di questi fattori ci convincono a presentare anche per il 2016-17 la progettualità che indirizza l'assegnazione delle borse di studio a giovani capaci e meritevoli.
Tre sono le necessità fondamentali, che si intendono soddisfare anche in questa edizione, per aiutare i giovani allievi a riconoscere i loro talenti, sostenendoli e valorizzandoli:

- Riconoscere e premiare i risultati scolastici raggiunti dai ragazzi che frequentano i corsi, valorizzando l'impegno e la volontà di riscatto;
- Garantire un "diritto allo studio" che continua a essere carente all'interno della formazione professionale;
- Sviluppare una cultura del "successo personale", del merito individuale e della valorizzazione delle proprie capacità scolastiche, che per questi ragazzi per le condizioni pregresse hanno purtroppo perso.

Questi obiettivi devono essere comparati con la frequenza giornaliera che impegna i ragazzi della Piazza dei Mestieri per circa 7/8 ore di attività al giorno. Durante gli anni vi è stato un coinvolgimento sempre maggiore degli allievi dei corsi di Cucina nella realizzazione del servizio mensa. Ciò ha permesso il consolidarsi di una buona qualità del servizio e il rafforzamento delle competenze professionali e trasversali dei ragazzi che vi partecipano. Ciò è reso possibile anche dalle borse di studio erogate.
Il tempo passato in mensa risulta molto importante perché dà modo ai giovani, impegnati nei vari corsi della Piazza dei Mestieri dalle 8,30 alle 16,30 da lunedì al venerdì, di passare il proprio tempo libero all'interno della struttura favorendo momenti di socializzazione e di incontro informale. Per gli educatori diventa un momento utile per conoscere meglio i ragazzi prevenendo comportamenti a rischio che in passato hanno creato problemi con esercenti e cittadini del quartiere.

Identificazione e descrizione delle destinazioni dei fondi raccolti

I fondi raccolti vengono utilizzati per assegnare, circa 300 borse di studio, legandole alla fruizione dei pasti che i vincitori delle borse di studio consumano durante l'anno scolastico.
I fondi vengono assegnati prioritariamente per reddito ai nuclei familiari con reddito inferiore ai 7.000 €, a seguire si effettua un'assegnazione in base al merito scolastico riferendosi alla valutazione conseguita nell'ultimo anno scolastico o alla valutazione in ingresso al primo anno. La borsa di studio che permetterà al ragazzo di utilizzare il servizio mensa è di € 800,00 per studente.

Programma strategico di raccolta fondi e delle donazioni

La raccolta dei fondi e delle donazioni avviene attraverso una serie di fasi legate alla ricerca di soggetti privati, aziende o semplici individui che sostengano questo progetto riconoscendone il grande valore sociale e di contrasto al disagio giovanile e di prevenzione all'abbandono scolastico. Nel corso degli anni si sono intensificate e consolidate le collaborazioni con le aziende e i professionisti presenti sul territorio piemontese, riuscendo a creare un legame molto forte tra la Piazza dei Mestieri e i potenziali "donatori", con possibilità di fidelizzazione di questi ultimi. Viene inoltre rivolta una particolare attenzione verso aziende che possano avere un interesse anche professionale affinché i ragazzi crescano e migliorino negli aspetti conoscitivi e professionali.

Modalità e tempi di realizzazione

Il progetto si sviluppa lungo l'arco di tutto l'anno scolastico 2016/2017, la partenza avviene poco dopo l'inizio dei corsi di formazione della Piazza dei Mestieri e termina con la conclusione degli stessi. Nel mese di giugno viene pubblicato il bando, informando tutti gli allievi, e le famiglie degli stessi, che frequentano i corsi della Piazza dei Mestieri e che hanno fatto domanda di iscrizione. Nei momenti di consegna attestati e pagelle e raccolta delle domande, viene attivato un apposito sportello gestito da un CAF convenzionato per permettere alle famiglie di richiedere l'ISEE facilitandone così la domanda. Parte integrante dei tempi di realizzazione dei progetti sono i periodi dove vengono analizzate le domande pervenute e la seguente attribuzione delle borse di studio da parte di una commissione interna composta da docenti ed educatori della struttura.

Powered by CMZeta - Content Management System